• Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • YouTube - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

IO STO CON LA SPOSA (2014)

SCHEDA TECNICA

Paese: Italia  |  Anno: 2014  |  Durata: 98'

Formato: Dcp, Bluray, Dvd, File HD

Lingua: italiano, arabo

Sottotitoli: italiano, inglese, francese, catalano, spagnolo, fiammingo, giapponese, arabo, greco, israeliano, portoghese, tedesco

Genere: Documentario

Regia: A. Augugliaro, G. Del Grande, K. S. Al Nassiry

Co-produzione: Doc Lab

Festival: Venezia 71, David di Donatello, Nastri d'argento, IDFA, Dubai Film Festival, Oran International Film, Carthage Film Festival, HotDocs, FIFDH, Istambul Film Festival.

Sito web: www.iostoconlasposa.it

PREMI

SINOSSI

Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia.

Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un’amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un’Europa sconosciuta. Un’Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell’incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.

IL CONTESTO

Nelle ambasciate europee, il loro passaporto vale carta straccia. Così ogni mese, migliaia di siriani e palestinesi si affidano ai contrabbandieri libici ed egiziani, per attraversare il Mediterraneo su imbarcazioni di fortuna. Fuggono dalla guerra in Siria e vengono a chiedere asilo politico in Europa. L’Italia è solo un paese di transito, l’obiettivo è la Svezia. Dopo lo sbarco in Sicilia, il viaggio riprende da Milano, in macchina, di nuovo nelle mani dei contrabbandieri. Con le leggi sull’immigrazione in vigore, non c’è altra soluzione. A meno che a quelle leggi qualcuno non decida di disobbedire. Noi l’abbiamo fatto. E in questo film vi raccontiamo quello che ci è accaduto sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.

ANTONIO AUGUGLIARO

È montatore e regista. Ha iniziato la sua carriera lavorando nel campo della video arte con “Studio Azzurro”. Attualmente lavora per i canali televisivi Sky e Discovery ed è attivo nella scena cinematografica indipendente milanese.

NOTE DI REGIA

Un film documentario ma anche un’azione politica, una storia reale ma anche fantastica. “Io sto con la sposa” è tutte queste cose insieme. E questo suo carattere ibrido ha dettato fin dall’inizio delle scelte precise. A partire dal trattamento del film. Non abbiamo scritto dialoghi né personaggi, ma abbiamo organizzato il viaggio ragionando per scene. Abbiamo cioè immaginato delle situazioni all’interno delle quali far muovere liberamente i nostri personaggi, ormai abituati alla presenza delle telecamere.

Tuttavia le riprese hanno sempre dovuto mediare con le esigenze dell’azione politica, Perché in Svezia ci dovevamo arrivare per davvero, non solo per fare un film. E dovevamo arrivarci nel più breve tempo possibile. Questo ovviamente ha comportato ritmi di lavoro durissimi: dodici ore di macchina al giorno, le scene da filmare, i file da scaricare e quando andava bene tre ore di sonno a notte. Se la troupe non ci ha piantato il primo giorno, è stato per il clima che si è creato. Condividere un grande rischio e un grande sogno, ci ha inevitabilmente unito e quell’esperienza ha inevitabilmente cambiato il nostro sguardo sulla realtà, aiutandoci anche nella ricerca di una nuova estetica della frontiera. Volevamo un un linguaggio che, senza cadere nel vittimismo, fosse capace di trasformare i mostri delle nostre paure negli eroi dei nostri sogni, il brutto in bello, i numeri in nomi propri.

NOTA DI PRODUZIONE

La produzione di “Io sto con la sposa” è stata finanziata da una campagna di crowdfunding online sulla piattaforma Indiegogo.

In 60 giorni (dal 19 maggio al 17 luglio 2014) sono stati raccolti 100mila euro, grazie al contributo di 2.617 persone da 38 paesi di tutto il mondo: in primis Italia e poi Argentina, Arabia Saudita, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Colombia, Danimarca, Egitto, Filippine, Finlan- dia, Grecia, Germania, Francia, Hong Kong, Ungheria, Irlanda, Israele, Libano, Malta, Morocco, Messico, Olanda, Nuova Zelanda, Perù, Portogallo, Regno Unito, Russia, Senegal, Singapore, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Tailandia. Le donazioni sono servite a coprire le spese di produzione e post produzione del film. Si tratta senza dubbio del più grande crowdfunding mai realizzato in Italia e di uno dei migliori risultati a livello internazionale sul fronte del documentario.

Grazie alla campagna di crowdfunding, #iostoconlasposa è diventato un trend sulla rete prima ancora di arrivare a Venezia: 13mila iscritti sulla pagina facebook, 30mila visualizzazioni del trailer e più di cento servizi sul film realizzati da giornali, radio, tv e siti internet in ben 10 lingue: inglese, arabo, italiano, francese, cinese, tedesco, spagnolo, turco, svedese e finlandese.

GLI AUTORI

GABRIELE DEL GRANDE

Scrittore e giornalista free lance. Nel 2006 ha fondato l’osservatorio Fortress Europe e messo online il blog ad esso correlato. Il blog elenca tutti i singoli eventi di morti o naufragi censiti dai mezzi di informazione in Europa e nel Maghreb a partire dal 1988.

Dal 2011 ha seguito la primavera araba e le guerre in Libia e Siria.

KHALED SOLIMAN AL NASSIRY

Poeta, critico letterario e disegnatore grafico, è nato a Damasco nel 1979 da famiglia sirano-palestinese. Vive a Milano dal 2009. Attualmente lavora come direttore editoriale e disegnatore grafico per la casa editrice degli Emirati Noon.

CREDITS

 Scritto e diretto da

 

Fotografia

Operatori di camera

Montaggio

Consulenza al montaggio

Suono

Sound mix

Color grading

Musiche

Fotografo di scena

Prodotto da

Con il supporto di

Finanziato da

Con un contributo di

Nazionalità

Anno di produzione

Durata 

Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry

Gianni Bonardi

Antonio Augugliaro, Marco Artusi, Valentina Bonifacio

Antonio Augugliaro

Lizi Gelber

 

Tommaso Barbaro

 

Massimo Mariani

 

Gabriele Cipolla

 

Dissòi Lógoi: Tommaso Leddi, Matteo Maltauro, Alberto Morelli, Franco Parravicini, Federico Sanesi, Mc Manar, Mosè - c.o.v.

Marco Garofalo

 

Gina Films

Doclab

2.617 Donatori dal basso

Lettera 27, Amo, Noon publishing house

Italiana

2014

98 min

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now